Progetto di Legge per introduzione dell'art. 528bis e seguenti del cod. penale

Si illustra la proposta legislativa elaborata dal CIATDM sig.ra Aurelia Passaseo

Art. 1

 

1. Dopo l'articolo 528 del codice penale è inserito il seguente:

"Art. 528-bis. (Trasmissione di scritti, disegni o immagini osceni).

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il fornitore di connettività alla rete INTERNET che non adempie all'ordine dell'autorità di interrompere la trasmissione di scritti, disegni o immagini osceni è punito ai sensi dell'articolo 528.

Nei casi previsti dal primo comma l'autorità giudiziaria adotta in via cautelare le misure idonee

ad impedire l'ulteriore diffusione degli scritti, disegni o immagini osceni".

 

2. Dopo l'articolo 528-bis del codice penale è inserito il seguente:

Art. 528-ter. (Nuove disposizioni per la tutela dei diritti dei minori che navigano in INTERNET, e,istituzione di un apposito elenco dei provider aderenti al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori).

E' istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico – Comunicazioni un apposito elenco di tutti i provider, ed associazioni di provider aderenti al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori, e ciascun provider o associazini di provider possono decidere di aderire o meno al Codice di Autoregolamentazione.

I provider e le associazioni di provider aderenti al Codice ed iscritte nell'elenco devono riportare nella loro Home Page  in forma ben visibile la dicitura “Aderente al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori”

I provider aderenti iscritti nell’ elenco di cui sopra sono soggetti, oltre che attenersi alle norme contenute nel sopramenzionato Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori, anche alle disposizioni di cui agli articoli Art. 528-quater, 528-quinquies e 528-sexies."

 

3. Dopo l'articolo 528-ter del codice penale è inserito il seguente:

Art.528-quater” (Informativa)

Il provider che ha aderito al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori deve dare informazione alle famiglie e agli educatori dell'esistenza di servizi di navigazione differenziata e, a tale proposito, il provider pubblica nella pagina Internet iniziale (home page) dei propri servizi un riferimento “TUTELA DEI MINORI”, che sia chiaramente visibile, che rimanda ad apposite pagine web con le quali fornire informazioni sulle corrette modalità per un utilizzo sicuro della rete Internet, sugli strumenti più utilizzati per la tutela dei minori e, sulle modalità di segnalazione alle autorità competenti.

Il provider deve inoltre informare l'utente dell'esistenza del Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori a cui l'utente si potrà rivolgere per segnalare eventuali violazioni dello stesso da parte del provider.

La violazione delle norme di cui sopra è punita ai sensi dell’art. 528-sexies ultimo comma."

 

4. Dopo l'articolo 528-quater del codice penale è inserito il seguente:

Art.528-quinquies” (Servizi di navigazione differenziata)

Allo scopo di contrastare la pedopornografia, la pedofilia, il grooming (adescamento del minore in Internet) ed il cyberbullismo nella rete Internet, il provider deve offrire, secondo le tecnologie disponibili, a chiunque abbia un accesso ad internet, servizi di Navigazione differenziata che dovranno essere chiaramente identificati come tali (famiglie con figli minori, educatori, scuole, biblioteche, aggregazioni giovanili, internetpoint), ovvero indirizzare il Cliente e gli Utenti verso altri fornitori di Servizi di navigazione differenziata. Nel rispetto di principio di non discriminazione, tali servizi non potranno impedire l'accesso ai contenuti sicuri dai Content provider che hanno aderito al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori.

La violazione delle norme di cui sopra è punita ai sensi dell’art. 528-sexies ultimo comma.

Ciascun Utente, che abbia ottenuto tale possibilità di Navigazione differenziata, avrà quindi l’onere di selezionare il Servizio di navigazione differenziata a lui riferibile, ossia che contenga le forme di tutela previste dal Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori per quell’Utente specifico.

La mancata selezione del Servizio di navigazione differenziata riferibile al singolo utente, e dunque la mancata richiesta della tutela ad esso relativa, esonera il provider da qualsiasi responsabilità connessa alla conseguente navigazione su internet, ed in particolare al possibile accesso a siti non protetti."

 

5. Dopo l'articolo 528-quinquies del codice penale è inserito il seguente:

 “Art. 528-sexies”(Identificatori d'età).

Il provider aderente al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori deve utilizzare sistemi di individuazione dell'età dell'utente, i quali, nel rispetto delle norme sul trattamento dei dati personali, ne tutelino e garantiscano la massima riservatezza, sicurezza e dignità. Il provider deve, in particolare, impedire che tali sistemi consentano di risalire all'identità, al domicilio, all'indirizzo di posta elettronica, all'eventuale pseudonimo (“alias” o “nik name”), all'indirizzo Internet (numero IP) del minore e non dovranno comunque permettere a terzi soggetti di raggiungerlo direttamente o indirettamente.

In mancanza, il provider deve indirizzare il Cliente e gli Utenti verso altri fornitori capaci di rispettare quanto sopra."

6. Dopo l'articolo 528-sexies del codice penale è inserito il seguente:

Art. 528 septies” ( Violazione e punibilità)

La violazione di quanto prescritto negli articoli 528- ter, 528-quater, 528-quinquies, 528-sexies del codice penale e nei commi precedenti del presente articolo da parte dei provider che abbia aderito al Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori è punito con la sospensione della Autorizzazione o licenza , ed alla cancellazione dall'elenco per un periodo di mesi 12 e con una multa da euro 10,000 (diecimila) sino ad euro 50,000 (cinquantamila)."

 

NavDif Project
Via Breganzona 11 
6900 Lugano, Svizzera

​Telephone : ​0041-764832537

                  0039-3484527062

Email : felice@vinaticom

​​​

© 2015 by NavDif. 

Main sponsor